Roma Attiva è un’organizzazione che nasce spontaneamente come aggregatore di forze positive.

La Città Eterna vive un abbandono preoccupante sotto innumerevoli punti di vista; la consapevolezza di questa situazione ha spinto persone di estrazione diversa e con differenti interessi, a scegliere la strada della partecipazione. Da questa decisione il nome: Roma Attiva.

L’intento è quello di contribuire in maniera seria e responsabile all’efficientamento della macchina organizzativa di Roma tramite incontri, confronti, formazione e proposte che possano diventare occasioni per la città.

La cultura deve tornare ad essere centrale nei programmi di rilancio, così come il suo patrimonio storico che troppo spesso vive un abbandono colpevole se paragonato con altre capitali che pure non vantano nemmeno la decima parte dei tesori che Roma offre agli occhi di cittadini e turisti.

Ma la cultura da sola non basta.

Servono vivibilità e accessibilità, termini che suonano esotici in un contesto come quello attuale in cui disabili e madri con carrozzine si vedono costretti a interminabili tour de force per trovare quello che sarebbe ovvio avere: zero barriere architettoniche.

La civiltà di un posto si misura dalla capacità di inclusione verso tutte le fasce di popolazione che lo abita, e oggi Roma purtroppo risulta ampiamente sbilanciata e poco attenta proprio verso quanti più sensibili a determinate esigenze.

La politica e la stessa cittadinanza devono farsi carico di questioni del genere, e non possono sentirsi al riparo da critiche che – se è vero ricadono in prima battuta su amministratori e politici – rendono colpevole chiunque non si indigni o peggio ancora concorra alla deriva.

Roma Attiva vuole intercettare tutti coloro che non sia adeguano allo status quo e non si arrendono all’idea di vedere la propria città trattata con superficialità o peggio approssimazione.

L’impegno per opporsi a questa situazione è grande così come l’apporto richiesto: le idee.

Chiunque voglia contribuire con proposte, incontri, rivalutazione del senso civico, è un potenziale attivista e come tale già ha cominciato a pensare che Roma possa tornare ad essere ROMA.

Contattaci inviandoci un messaggio (clicca qui) o tramite whatsapp al numero 336.752198

Roma sta male, chi non si indigna è colpevole
Condividi:

Commenti

comments

Tag:             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.